Dorazio

Italia
Pittore
Piero Dorazio è stato un punto di riferimento per lo sviluppo dell’Arte astratta in Italia.
Mentre si affermava l’Informale, arte gestuale che affidava alla materia o alla pennellata espressiva un intenso psichismo, l’artista seguì un proprio percorso, abbandonandosi unicamente alla ricerca dell’infinito ed affascinante universo dei colori.Attratto dalla tecnica artistica di Klee e Kandinsky nell’utilizzo strumentale del colore e dal rigorismo compositivo di Balla e Severini, Dorazio si cimentò nell’utilizzo delle tonalità senza cadere in lirismi e naturalismi, riscoprendo affinità anche con il purismo pittorico ed astratto di Malevic e Mondrian.

Attuò una vera e propria unione tra tradizione italiana e francese, riconoscendosi in Balla ma anche in artisti come Seurat, Poussin o Signac, in cui riscoprì un comune concetto di colore, inteso come principale elemento compositivo dell’opera che ne definisce la luce e lo spazio, racchiudendo al proprio interno tutto il senso del quadro.Fornì in questo modo anche una rilettura moderna della tradizione italiana, contaminandola con le spinte più vitali ed attuali delle circostanti correnti europee, come quella francese appunto.La risvegliò, aprendola a stili e forme diverse, prediligendo un approccio oggettivo e analitico del fare arte, rispetto a quello soggettivo legato alla rappresentazione delle forze dell’inconscio e dell’espressione.Per Dorazio, infatti, come per Signac, il soggetto pittorico è tecnica ed espressione estetica.L’artista applicò all’arte una lettura di tipo linguistico, in cui i significati si identificavano con quelli che sono gli strumenti principali della pittura: spazio, forma e colore. Ecco, quindi, che già a partire dagli anni ’50 prendono forma opere in cui l’artista cerca di riunire le prime esperienze futuriste con quelle astratte, mettendo in dialogo le linee colorate cariche di tensione e dinamicità con il fondo dipinto astratto, composto da macchie regolari ed accese.In seguito a varie sperimentazioni anche nel campo delle opere-rilievo, Dorazio individuò il suo mezzo artistico prediletto: la pittura. La superficie dipinta diventa un momento di riflessione tecnica ed intellettuale attorno agli innumerevoli e possibili effetti della luce, che insieme alla forma, concorrono a creare la percezione dello spazio.Con Dorazio si riscopre l’importanza dei procedimenti, ponendo l’attenzione sulla tecnica artistica, che diventa la vera protagonista dei suoi lavori. Colore e luce, inoltre, divengono un unico elemento, definendosi ed esaltandosi a vicenda. Il gioco ritmico dell’immagine prende vita attraverso il susseguirsi di combinazioni di forme libere ma regolate, portando il colore-luce a comporre un’idea di spazio strutturato e vibrante.L’artista sembra realizzare prima di tutto la struttura attraverso il colore, lasciando solo in un secondo momento spazio alla fantasia compositiva.Linee orizzontali, verticali, diagonali tracciate a mano libera reinventano lo spazio-superficie dei suoi lavori, definendo un reticolo di strutture cromatiche sovrapposte, come avviene nella prima fase dei reticoli monocromatici.Negli anni ’70, come possiamo notare nelle opere “Profili III” e “Gymn” presenti nella prossima asta di Mediartrade, l’artista riorganizza il dipinto, confinando i ritagli di colore all’interno di una struttura più rigida, che a seconda dello sfondo monocromo a cui viene accostata, tende ad emergere o affondare. Predilige, oltre al bianco, colori puri come l’azzurro, il rosso, il giallo, il verde e l’arancio e contorna le sue forme colorate, scoprendo che queste potevano assumere l’aspetto di veri e propri collages, ricordando vagamente l’effetto della luce colorata cloisonnèe delle vetrate di alcune chiese.In “Gymn” l’artista ritaglia e riunisce pezzi di tela dipinta in un lato del quadro, lasciando campo libero al colore blu per tutto il resto del dipinto ed accentuando, così, la contrapposizione tra questi colori splendenti, controllati in rigide forme, con il cupo di quel lato buio.Ecco che la luce, come l’ombra o il buio diventano non solo fenomeni fisici, ma soprattutto psichici, inducendo stati d’animo nell’osservatore che li guarda e diventando componente espressiva essenziale dei suoi quadri.In “Profili III” l’artista porta all’estremo gli effetti di frantumazione ottenuti attraverso i collages, disponendo ed imprigionando gli spicchi di colore in fasce orizzontali che si ripetono meccanicamente o in fasce regolari concentriche come accade in “Ciarcian” degli anni ‘90, dando ulteriore libertà ai giochi di assembramenti.Applicando sulla tela i suoi spicchi di colore ritagliato, Dorazio riporta le stesse forme fluttuanti che prima dipingeva, creando un tutt’uno tra disegno e colore: ”Invece di disegnare i contorni e d‘ installarvi il colore l’uno modificante l’altro, disegno direttamente nel colore, che è tanto più misurato in quanto non è trasposto..”, come insegnava Matisse e da cui Dorazio prende ispirazione.L’opera d’arte diventa un continuo fare e disfare, aggregare e disgregare, per riuscire nell’intento principale dell’artista: cogliere l’essenza del comporre attraverso il solo utilizzo delle leggi del colore e dei loro possibili rapporti.

Leggi di più Comprimi
  • Gymn , 1972

    45 x 65 cm

    Olio su tela

    Firma, titolo, data sul retro Etichetta della Marlborough Galleria d'arte, Roma sul retro Timbro della Galleria Tega, Milano sul retro

    € 35.000 - € 45.000

    Esposizioni

    Roma, Marlborough Galleria d'Arte, 1972, testi A.M Ripellino (cat. St. Gallen 1970-71), N. Ponente, L. Tundo, Apollinaire

    Provenienza

    Marlborough Galleria d'arte, Roma Galleria Tega, Milano Collezione privata, Pescara Collezione privata, Milano

    Letteratura

    M.V. Orlandini, J. Lassaigne, G. Crisafi, " Dorazio ", Ed. Alfieri, Venezia, 1977, n. 1333

     

    L'opera è accompagnata da certificato di autenticità dell'Archivio Opera Piero Dorazio, rilasciato in data 20/09/2010. N. archivio 72100921142153014 Certificato di autenticità su fotografia rilasciato dall'Archivio Piero Dorazio, Milano nel 2018. N. certificato 1972 - 001333- FDD9
  • Ciarcian , 1996

    60 x 80 cm

    Olio su tela

    Firma, data, titolo sul retro Timbri dello Studio Piero Dorazio, n. 3580 sul retro Timbro de La Torre Galleria d'Arte Moderna, Milano

    € 12.000 - € 18.000

    Provenienza

    La Torre Galleria d'Arte Moderna, Milano Collezione privata, Milano

     

    L'opera è accompagnata da certificato di autenticità su fotografia dell'artista. Certificato di autenticità rilasciato dall'Archivio Piero Dorazio, Milano in data 28/09/2018. N. archivio 1996-002802-19DC
  • Profili III , 1973

    90 x 130 cm

    Olio su tela

    Firma, titolo, data sul retro in alto a sinistra Etichetta della Marlborough Galleria d'arte, Roma sul retro Timbro della Galleria Tega, Milano sul retro

    € 85.000 - € 95.000

    Esposizioni

    Warszaw, Ceutralne Viuro Wystaw Artjstjcnznjch w Warszawie, 1976- 1977, Malarstwo W loskie 1950-1970 Wroclaw, Muzeum Narodowe we Wroclawin, 1976-77, Malarstwo Wloskie 1950- 1970

    Provenienza

    La Nucara, Reggio Calabria Marlborough Galleria d'arte, Roma Galleria Tega, Milano Collezione privata, Milano

    Letteratura

    M.V. Orlandini, J. Lassaigne, G. Crisafi, " Dorazio ", Ed. Alfieri, Venezia, 1977, n. 1409

     

    L'opera è accompagnata da certificato di autenticità dell'artista su fotografia. Certificato di autenticità su fotografia rilasciato dall'Archivio Piero Dorazio, Milano nel 2018. N. certificato 1973 - 001409- 4E31
Opera 1 /

Registrati all’asta

Per partecipare all’asta bisogna prima essere registrati al sito.


Hai già un account su Mediartrade Casa d’Aste? Accedi


Nuovo su Mediartrade Casa d’Aste? Crea un Account

Login


Nuovo su Mediartrade Casa d’Aste? Crea un Account

Crea un Account

Registrandoti accetti l’Accordo d’uso e la Politica sulla privacy di Mediartrade


Hai già un account su Mediartrade Casa d’Aste? Accedi

Password dimenticata?

Se non ricordi la password, inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica qui sotto. Riceverai un’e-mail contenente un link speciale per crearne una nuova. Assicurati di inserire lo stesso indirizzo utilizzato per accedere al tuo profilo.


Nuovo su Mediartrade Casa d’Aste? Crea un Account

*Messaggio di Conferma*

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed vestibulum purus vitae leo gravida semper. Sed orci orci, ultricies nec risu.


Non hai ricevuto l’email di conferma? Rimanda