Baj

Italia
Pittore

Enrico Baj, protagonista dell’ arte italiana del Novecento, ha attraversato la stagione degli anni Cinquanta e Sessanta accanto a Fontana, Manzoni, stringendo rapporti anche oltre confine con il gruppo Cobra, Duchamp, gli esponenti del Nouveau Réalisme e i promotori della Patafisica: «La scienza delle soluzioni immaginarie”. Nel ‘54 con Asger Jorn partecipa a Mouvement International pour une Bauhaus Imaginiste: la critica è rivolta in questo caso all’arte razionalista e all’ asettico funzionalismo architettonico.

Nel ‘57 redige il manifesto Contro lo Stile, una profonda presa di posizione contro un formalismo didascalico e una serialità vista come metodica riproducibilità. Le opere di Baj si compongono dei materiali più diversi come ad esempio passamanerie, medaglie, diademi, distintivi, bottoni, elementi attraverso cui l’ artista irride gli stereotipi della società; gli schematismi formali vengono sovvertiti attraverso uno sguardo dissacrante e corrosivo che sfocia sovente nella poetica del grottesco «La pittura – afferma l’artista – si fa sia con il colore fluido che viene fuori dal tubetto e che plasmi col pennello, sia per assemblamento di materiali». Innovativo sia dal punto di vista formale sia da quello ideologico, la sua opera si articola in vari periodi in un continuum che ha come denominatore comune la più sferzante e tagliente irrisione. L’arte - secondo Baj - deve agganciarsi alla realtà, deve riportare sulla tela avvenimenti, fatti, emozioni, evidenziare le contraddizioni che permeano la società. Le opere che Mediartrade porta all’ incanto il prossimo 5 e 6 aprile sono iconiche ed emblematiche della poetica dell’ artista, si tratta di due opere dei primi anni ’80: “Personaggi” del 1981 in cui la superficie è affollata di teste e facce caratterizzate, pregne di colori e umori, figure dall’ aspetto spiccatamente picassiano, volti affastellati e prospettive quasi scomposte che individuano ma non specificano le fisionomie che emergono in maniera giocosa dal fondo stagliandosi su una passamaneria ricca di ornamenti. L’ altra opera  si intitola “Dama” del 1984 in cui una pittura, densa, materica e umorale definisce e fa emergere dal fondo decorato il volto di una dama anticonvenzionale e sgargiante dalla fisionomia espressionista, ovvero l’ artista ne carica l’espressività per ottenere una maggiore efficacia comunicativa. Agli anni Novanta appartengono le Maschere tribali, i totem che fanno riferimento ad un primitivismo arcaico, di questo periodo è la scultura pezzo unico del 1991 “Teodoro Moglie Androfilo”, opera scevra da ogni narrazione che si pone nella propria nuda frontalità, in cui i differenti frammenti di ceramica vanno a comporre un volto che è un corrispondente patafisico e bajesco delle foto segnaletiche. Determinante e decisiva nella sua poetica è l’espressività comunicativa attraverso cui veicolare la propria critica dissacratoria.

Leggi di più Comprimi

Fonte

  • Enrico Baj. Catalogo generale delle opere dal 1972  al 1996, ed. Marconi- Menhir 1997

  • Dama , 1984

    80 x 60 cm

    Acrilici e collage su passamaneria riportata su tavola

    Firma in basso a destra

    € 45.000 - € 55.000

    Provenienza

    Collezione privata, Torino

    Letteratura

    "Catalogo generale delle opere di Enrico Baj dal 1972 al 1996", Introduzione di E. Crispolti, testo di M. Corgnati, Ed. Marconi - Menhir, Milano - La Spezia, 1997, p. 262, n. 2116 (cm errati)
  • Personaggi , 1981

    50 x 60 cm

    Collage, oggetti e passamaneria su tela tesa su compensato

    Firma in basso al centro

    € 40.000 - € 45.000

    Esposizione

    "Baj Opere scelte 1956 - 2003", Guastalla Centro Arte, Livorno, 6 maggio - 30 giugno 2006

    Provenienza

    Collezione privata, Livorno

    Letteratura

    "Baj Opere scelte 1956 - 2003", Guastalla Centro Arte, Edizione Graphis Arte, Livorno, 2006, p. 26

     

    L'opera è accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato da Roberta Cerini, in data 28/03/2006.
    Archivio n. 2024.A
Opera 1 /

Altre Preview

Carlo Carrà

Marina

Alberto Biasi

Agitato un po'

Afro

Senza titolo

Piero Dorazio

Gamma II

Marino Marini

Piccolo Cavallo filiforme

Igor Mitoraj

Persée

Lucio Fontana

Crocifisso

Achille Perilli

Studio

x

Hai delle domande ?

Contattaci al nostro numero di WhatsApp

+39 331 9467237

Registrati all’asta

Per registrarti all’asta e partecipare con offerte in preasta e in diretta devi avere creato il tuo account su Mediartrade


Hai già un account su Mediartrade Casa d’Aste? Accedi


Vuoi partecipare con offerte alle aste ma non hai ancora un account ?
Crea un Account

Login


Partecipa alle nostre aste. Crea un Account

Crea un Account

Registrandoti accetti l’Accordo d’uso e la Politica sulla privacy di Mediartrade


Hai già un account su Mediartrade Casa d’Aste? Accedi

Password dimenticata?

Se non ricordi la password, inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica qui sotto. Riceverai un’e-mail contenente un link speciale per crearne una nuova. Assicurati di inserire lo stesso indirizzo utilizzato per accedere al tuo profilo.


Nuovo su Mediartrade Casa d’Aste? Crea un Account

*Messaggio di Conferma*

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed vestibulum purus vitae leo gravida semper. Sed orci orci, ultricies nec risu.


Non hai ricevuto l’email di conferma? Rimanda