De Chirico

Italia
Pittore

De Chirico è l’ inventore per antonomasia della pittura metafisica e protagonista indiscusso dell’ arte del Novecento. E’ in seguito alla rivelazione della Metafisica avvenuta nell’ autunno del 1910 a Firenze, che il giovane de Chirico sentenzia con la lapidaria epigrafe nietzscheana: “Et quid amabo nisi quod aenigma est?” “E cosa amerò se non ciò che è enigma?” L’enigma è il quesito difficile, dirimente, che sottende tutta la produzione dell’ artista.

Il mistero implica l’ostinazione della ricerca nella speranza che prima o poi ciò che ci si manifesta come mistero diventi un’enigma e abbia così una possibile risposta. Una caratteristica della metafisica è la frequente sostituzione della figura o cosa viva con il suo doppio “inanimato”. Da un lato si tratta di un’allusione  all’ artificiosa e meccanica civiltà moderna, e già questa allusione si biforca in due “morali”: la negatività del fenomeno, che induce alienazione e solitudine, la perdita dell’ umano, ma anche la perennità del mito e del destino. E’ in questa cornice che si inserisce l’ opera “Trovatore” datata 1961 che Mediartrade presenterà al prossimo incanto dell’ 8 e 9 novembre. Nell’immagine artificiosa e tuttavia “moderna”, l’archetipo si perpetua. Qui il manichino è un filosofo, un sapiente, un “archeologo della memoria”. E’ proprio a partire dagli anni Sessanta che prende forma una “nuova” Metafisica, quella ormai nota come “Neometafisica”; i manichini sembrano diventare delle vere e proprie apparizioni negli spazi di de Chirico, sospesi tra realtà e sogno, luoghi al di fuori del tempo dove il passato si unisce al futuro. L’artista ha qui operato una vera rivoluzione del soggetto, all’ esplicita mimesi che la pittura è chiamata a illustrare, de Chiricosostituì il soggetto inattendibile, enigmatico, l’immagine pittorica esprime in ultima analisi il “non senso” e il dubbio che il “non-senso “ sia il fondamento del reale. La sua pittura diviene l’iconografia ragionata dell’ anti avanguardia. Il neo-barocco è uno stile che de Chirico aveva creato per paradosso negli anni Cinquanta e Sessanta diviene un atto esplicito. I luoghi dechirichiani sono da quel momento luoghi dello stile, della pittura e della sua gloriosa natura temporale. Anche l’allusione al mito si fa puramente iconografica, diviene universale e senza tempo. In “Piazza d’ Italia con monumento di uomo politico” datata 1965 e terminata entro la prima metà degli anni Settanta che Mediartrade porterà all’ incanto il prossimo 8 e 9 novembre ritroviamo, in una prospettiva di edifici vuoti, quasi proto piacentiniani, una figura paludata all’ antica che si staglia di spalle come un ipotetico romantico Caspar David Friedrich. La statua perde la sua valenza enigmatica di segno e diventa pura evocazione; il fatto che si tratti di una statua anziché di un uomo vivo accentua il senso di temporalità e di eternità. Le ombreggiature compongono i volumi, la plasticità è in questo caso sottolineata dall’ effetto teatrale della composizione, dal gioco marcato delle ombre e delle luci, dall’ opposizione dentro-fuori e dal colore-controcolore fondato sulla reazione alla luce del sole. La cornice architettonica diviene quinta teatrale per “l’uomo politico”, la maschera che si presenta impassibile ed enigmatica, diviene emblema eterno. De Chirico può essere letto come tragico o comico, come elegiaco o grottesco, come idilliaco o come ironico, ciò che rimane costante, come in un eterno ritorno nietzscheano, è l’enigma.

Leggi di più Comprimi

Fonte

  • Fondazione Giorgio e Isa de Chirico “Giorgio de Chirico Catalogo Generale - Opere dal 1912 al 1976” Vol. 1/2014, Maretti Editore, Imola
    “Giorgio de Chirico Catalogo Generale - Opere dal 1910 al 1975” Vol. 2/2015, Maretti Editore, Imola
    “Giorgio de Chirico Catalogo Generale - Opere dal 1913 al 1976” Vol. 3/2016, Maretti Editore, Imola
    “Giorgio de Chirico Catalogo Generale - Opere dal 1913 al 1975” Vol. 4/2018, Maretti Editore, Imola
    De Chirico “Le sculture del Centenario” Umberto Allemandi & C., Torino, 1995
  • Piazza d'Italia con monumento di uomo politico , Metà anni '60 - Prima metà anni '70

    H50 x L40 cm

    Olio su tela

    Firma in basso a destra
    Titolo e firma di Isabella de Chirico sul retro
    Etichetta Galleria Marescalchi, Bologna sul retro
    Etichetta della mostra "Giorgio de Chirico. La metafisica del Paesaggio", Galleria Comunale d'Arte Contemporanea, Sala Sant’Ignazio, Arezzo, 2001 sul retro

    Provenienza

    Galleria Marescalchi, Bologna
    Collezione privata, Roma

    Esposizione

    "De Chirico. La metafisica del Paesaggio. 1909-1970", Galleria Comunale d'Arte Contemporanea, Sala Sant’Ignazio, Arezzo, 18 novembre 2000- 14 gennaio 2001

    Letteratura

    Catalogo della mostra "De Chirico. La metafisica del Paesaggio. 1909-1970", a cura di M. Fagiolo dell'Arco , testi di vari, Arezzo, 2001, riprodotto in catalogo n. 35 ( con il titolo Piazza d'Italia con figura)

     

    L'opera è accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato da Isabella de Chirico.
    Certificato di autenticità su fotografia rilasciato dalla Fondazione Giorgio e Isa de Chirico con firma di Prof. P. Picozza, Roma 29 aprile 1994.
    N. autentica 211/1994
Opera 1 /

Altre Preview

Afro

Senza titolo

Alighiero Boetti

Aerei

Piero Dorazio

Utopia

Massimo Campigli

Gruppo/ promenade

Agostino Bonalumi

Azzurro

Carlo Carrà

Marina con vela

x

Hai delle domande ?

Contattaci al nostro numero di WhatsApp

+39 331 9467237

Registrati all’asta

Per registrarti all’asta e partecipare con offerte devi avere creato il tuo account su Mediartrade


Hai già un account su Mediartrade Casa d’Aste? Accedi


Vuoi partecipare con offerte alle aste ma non hai ancora un account ?
Crea un Account

Login


Partecipa alle nostre aste. Crea un Account

Crea un Account

Registrandoti accetti l’Accordo d’uso e la Politica sulla privacy di Mediartrade


Hai già un account su Mediartrade Casa d’Aste? Accedi

Password dimenticata?

Se non ricordi la password, inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica qui sotto. Riceverai un’e-mail contenente un link speciale per crearne una nuova. Assicurati di inserire lo stesso indirizzo utilizzato per accedere al tuo profilo.


Nuovo su Mediartrade Casa d’Aste? Crea un Account